Blog Biancheria per la casa | Ruocco Biancheria

  1. Il San Valentino che amiamo

    Scopri i nostri sconti sui prodotti dedicati a San Valentino 2021:  Pigiami  -  Plaid -  Vestaglie

    Come festeggiamo il nostro San Valentino in casa?

    La Festa degli innamorati del 2021 si presenta non in linea agli standard a cui siamo abituati. La tipica serata romantica con cena al ristorante preferito e dove poi sbocciare in una passeggiata, viene interrotto da coprifuoco e divieti.

    Quindi cosa fare a San Valentino?

    Molte coppie stanno pensando a come organizzare un San Valentino alternativo nel rispetto delle normative ed in piena sicurezza. Vediamo 3 delle possibili idee di come trascorrere la festa dell'amore nel 2021.

    Festeggiare San Valentino con un pranzo e passeggiata

    La scelta più facile e rapida presa dalle coppie, approfittare della festività del 14 febbraio che capita di domenica, per anticipare la cena e passeggiata romantica nella fascia giornaliera. Quindi con un pranzo in un posto romantico, ed una passeggiata nella propria città su un belvedere o una strada panoramica, dove magari ci si ricorda dei momenti passati e dove si possono fare progetti di coppia.

    Festeggiare San Valentino con un weekend

    Il 14 febbraio, la festa degli innamorati, nel 2021 capita del weekend, quindi un'ottima idea per festeggiare il proprio San Valentino potrebbe essere un weekend romantico in una struttura alberghiera dove ricreare una tête-à-tête in camera e restare li per tutto il pernottamento. in tale occasione non può mancare il giusto abbigliamento per creare l'atmosfera, come l'utilizzo di lingerie e vestaglie da camera, garantendo così l'effetto sorpresa al proprio parter per una serata indimenticabile.

    Festeggiare San Valentino a casa, nell'armonia di coppia

    Per le coppie più pigre e casalinghe, il restare a casa nella festa dell'amore non è per nulla un'occasione di disagio, anzi il restare a casa con il/la proprio/a partner è un ottima occasione per rilassarsi e pensare solo a lui/lei e alle proprie passioni.
    Una cena ordinata o cucinata solo per il partner, un divano ed un qualsiasi sistema di PayTV, potrebbe essere la serata ideale per te. Un'atmosfera intima, calda e romantica, dove l'unico interesse è il benessere di coppia.
    Noi di Ruocco Biancheria, concordiamo che in questo 2021, festeggiare San Valentino in un momento romantico e casalingo sia l'ideale per tutte le coppie.

    San Valentino in "Zona rossa"

    Per trasmettervi la nostra idea di "Zona Rossa", dove il rosso è determinato solo dal colore dell'amore, teniamo a presentarvi le nostre offerte di plaid e pigiami, per passare una serata indimenticabile a coltivare le vostre passioni abbracciati al vostro amore su un divano nella propria casa.

    Scopri le nostre offerte, conquista il tuo partner con Plaid caldi e morbidi, pigiami simpatici e comodi o vestaglie da camera per ricreare le giuste atmosfere.

    pigiama   plaid


  2. Come scegliere il colore di una trapunta

    I colori nella nostra casa sono un elemento importante perché possono condizionare l’atmosfera di una stanza, per questo è necessario sceglierli con attenzione e cura.

    La stanza da letto deve essere calda e accogliente ma anche non troppo sovraccarica da diventare opprimente. È importante quindi realizzare una buona armonia cromatica per garantire un ottimo relax.

    Quali sono le regole da seguire per scegliere il colore di una trapunta?

    La regola fondamentale dovrebbe essere quella di coordinare il colore della trapunta con quello dei mobili delle pareti o del pavimento. Ma bisogna fare attenzione a non puntare sul monocolore che rischia di creare un’ambiente troppo pesante. Meglio agire sul contrasto quindi, se il colore della camere è scuro è preferibile scegliere una trapunta chiara o con tinte tenui per dare luminosità all’ambiente.  Lo stesso discorso vale al contrario quindi se la stanza è molto chiara o addirittura bianca si preferiranno colori più scuri oppure si riprenderà il colore di un complemento d’arredo o di una parete.

    Come scegliere il colore di una trapunta per una camera da letto moderna?

    Per ambienti moderni si sceglieranno stampe geometriche o monocolore. Attenzione al bianco che pur prestandosi ad ogni ambiente, facile da abbinare, può risultare noioso o banale o dare un effetto troppo “abbagliante” .

    Come scegliere il colore di una trapunta per una camera da letto classica?

    I colori tenui sono sempre preferibili per ambienti classici e romantici come pure le fantasie a fiori. Si può osare anche con il rosa per una camera molto femminile, shabby chic e un po’ retrò.  

    Come scegliere il colore di una trapunta per una camere da letto in stile etnico?

    Se la camera da letto è in stile etnico sceglieremo fantasie orientaleggianti ed esotiche magari impreziosite da qualche filo d’oro. Va tenuto presente però che una camera molto colorata è sicuramente allegra e vivace ma bisogna sempre fare attenzione all’effetto “arlecchino”.

    Come scegliere il colore di una trapunta in base alle dimensioni della stanza da letto?

    Se la stanza da letto è ampia e spaziosa non ci sono particolari indicazioni sulla scelta del colore se non seguire le regole generali di cui abbiamo già parlato.  Se l’ambiente è molto piccolo invece andrebbero sempre privilegiati colori chiari e tenui per dare un effetto di maggiore profondità e spazio

     

     

  3. Come lavare il piumone in lavatrice?

    Ti stai chiedendo quali sono i segreti per lavare il piumone in lavatrice senza rovinarlo?  In questo articolo ti daremo qualche consiglio per lavare comodamente a casa tua il piumone senza doverlo portare necessariamente in lavanderia.

     Lavare il piumone in lavatrice: controllare il carico dell’elettrodomestico

     Per  lavare il piumone in lavatrice bisogna prima accertarsi del tipo di piumone da lavare e del carico che può supportare la lavatrice. Di solito il lavaggio in lavatrice di un piumone singolo si può tranquillamente effettuare nelle lavatrici con carico fino a 10 kg, mentre per i piumoni matrimoniali sarà necessario che la lavatrice supporti un carico fino a 15/20kg.

     Lavare il piumone in lavatrice: è sempre bene prima leggere l’etichetta

    La prima cosa di cui tener conto per lavare il piumone in lavatrice è che la scelta del tipo di lavaggio dipende sia dall’imbottitura che dal tessuto utilizzato per il rivestimento e quindi come per tutti gli altri capi è bene controllare sempre prima l’etichetta del prodotto per evitare di danneggiarlo.

     Lavare il piumone in lavatrice: quale programma scegliere?

    Il piumone può essere sintetico, di cotone o in piume è preferibile quindi scegliere un programma di lavaggio molto delicato e a basse temperature (quindi che non superi i 40°) temperature troppo alte infatti potrebbero danneggiare le piume d’oca o l’imbottitura in poliestere. La centrifuga va impostata a 800 giri  in modo da rimuovere l’acqua in eccesso senza rovinare il piumino.

     Lavare il piumone in lavatrice: che detersivo utilizzare?

    Per lavare il piumone è consigliato utilizzare detersivi delicati che proteggano i colori e non rovinino le fibre dell’imbottitura. Per gli stessi motivi è opportuno anche non esagerare con le quantità di detersivo.  A volte può capitare che terminato il lavaggio, tirato fuori il piumone, risulti un po’ “scivoloso” al tatto e questo significa che alcuni residui di sapone sono rimasti nell’imbottitura. In questo caso basterà semplicemente procedere con un risciacquo extra.

     Lavare il piumone in lavatrice: un trucchetto per non rovinare l’imbottitura

    Basterà inserire nel cestello due, tre palline da tennis, un piccolo trucchetto, che vi permetterà di mantenere l’imbottitura uniformemente distribuita, soffice e “gonfia” come prima del lavaggio

    Come asciugare il piumone dopo averlo lavato in lavatrice?

    Terminato il lavaggio estraiamo subito il piumone dalla lavatrice per evitare che assorba troppa umidità. Prima di stendere il piumino, andremo a sbatterlo e a distribuire l’imbottitura con le mani in modo uniforme. Successivamente stenderemo il piumino su uno stendibiancheria in orizzontale lasciandolo all’aria almeno un paio di giorni per far si che l’acqua evapori completamente anche dal suo interno. Sarebbe opportuno lavare il piumone nelle giornate soleggiate e ventilate in modo da farlo asciugare in tempi brevi e in maniera omogenea.

  4. Prepararsi al freddo con la biancheria casa invernal

    I periodi più freddi sono momenti dell’anno che possono riservare piccole e grandi gioie, se siamo preparati ad affrontarli. 

    Ci viene in mente ad esempio la possibilità di godersi un po’ di più la casa, magari avvolti da un plaid caldo e con una tazza di cioccolata fumante.

    Per approfittare dei piaceri dell’inverno dobbiamo prepararci al freddo con la biancheria per la casa invernale.
    Sono infatti necessari piccoli e facili accorgimenti, che riscaldano noi e tutto l’ambiente domestico.

    Nel letto? Biancheria letto per l’inverno

    Tra gli accessori per la casa più importanti per combattere il clima invernale rientra tutta la biancheria da letto:

    • Lenzuola;

    • Coperta invernale;

    • Trapunta;

    • Piumino; 

    • Copriletto invernale..

    Per i primi freddi potete usare un copriletto trapuntato al posto della coperta, per stare al caldo durante le ore più fredde della notte e non sudare quando spunta il sole e le temperature si alzano.

    Con il gelo invece copritevi con una trapunta invernale, il massimo delle coperte che tengono caldo, perché trattiene il calore e dona una sensazione di morbidezza, grazie alla sua imbottitura in materiale ultraleggero.

    Potete scegliere tra varie grammature, per avere più o meno calore:

    • Trapunta 320 gr/mq;

    • Trapunta 350 gr/mq.

    La trapunta matrimoniale invernale Botticelli da 350 gr/mq è perfetta per trovare rifugio sotto le coperte quando fuori imperversa il clima artico.

    L’esterno è in soffice ciniglia di microfibra, che fa sentire al caldo solo a guardarla, mentre l’interno è realizzato in poliestere 100% anallergico. 

    E se il piumone non basta, potete pensare di aggiungere una coperta di lana tra lenzuola e trapunta.

    Lo strato in più vi fornirà infatti un’ulteriore protezione dal freddo, è potrete facilmente rimuovere la coperta o il trapuntone quando le temperature si alzano un po’ e continuare a stare accoccolati al caldo.

    Questo tipo di biancheria per la casa è disponibile ovviamente in tantissime fantasie, da abbinare allo stile della camera da letto.
    Solo anche una pratica soluzione per dare un tocco di colore alla casa, che non fa mai male durante le uggiose giornate invernali.

    Potete anche decidere di cambiare la vostra coperta invernale non cambiandola affatto!
    Magia? No.
    Basta usare un copripiumino. Scegliete il modello che preferite, foderate la trapunta e il gioco è fatto!

    I pigiami invernali 

    Cosa c’è di meglio che tornare a casa dopo una giornata passata al freddo e al gelo e indossare un comodo pigiama invernale? 

    I pigiami invernali migliori

    • Hanno maniche e gambe lunghe, possibilmente con elastico alla fine, per non lasciare scoperta nessuna estremità del corpo con i movimenti notturni;

    • Sono realizzati in pile o caldo cotone, per accontentare sia le persone più freddolose con un tessuto ultracoprente, sia quelle a cui bastano le coperte per non avere freddo;

    • Sono veri e propri capi d’abbigliamento alla moda, realizzati con colori e motivi per tutti i gusti.

    Queste sono le caratteristiche che dovete cercare sia nei pigiami da donna che nel pigiama da uomo invernale e che vi faranno affrontare l’inverno con comodità.

    Vestaglia e giacca da camera

    Vestaglie e giacche da camera sono uno degli accessori biancheria casa che può essere utile a proteggersi dal freddo in almeno due occasioni:

    • Appena svegli. Quando abbandoniamo il caldo conforto del lettone infatti abbiamo sempre freddo, anche se la casa è riscaldata;

    • Quando abbiamo freddo in casa ma non vogliamo ancora indossare il pigiama.

    Più in generale, possiamo dire che è sempre bello coprirsi con indumento in pile, ciniglia o lana, perché ci aiuta a mantenere la temperatura corporea.

    Fuori dal letto? Il plaid caldo

    Quando non siamo a letto possiamo comunque approfittare del benessere che dà la biancheria invernale con copertine di pile e plaid.

    Un capo di biancheria per la casa molto usato, da utilizzare quando siamo sul divano a guardare un film, oppure da mettere sulle gambe quando lavoriamo al computer.

    Anche in questo caso esistono infiniti modelli e misure che incontrano le preferenze anche dei gusti più difficili.

    Noi adoriamo questa coperta plaid con pelliccia, morbida e calda in;

    • Pelliccia ecologica;

    • Lavabile in lavatrice;

    • Con cinture per chiuderla e trasportarla con facilità.


    Adesso che sapete tutto sulla biancheria casa che vi occorre per prepararvi all’inverno e rilassarvi anche con il freddo, dovete solo sfogliare il catalogo di Ruocco Biancheria e scegliere le fantasie che più vi piacciono.

  5. Come usare la biancheria da letto per rinnovare la camera

    Avete voglia di rinnovare la camera da letto senza ristrutturare casa?


    Se vi sembra una “mission impossible”, con Ruocco Biancheria oggi scoprirete che basta rinnovare la biancheria da letto per dare uno stile nuovo agli ambienti della casa.


    A volte con solo un cambio di biancheria possiamo dare una rinfrescata e un aspetto diverso alle vostre stanze da letto.
    La biancheria infatti fa parte dei complementi d’arredo e influenza l'estetica della casa. Inoltre cambiando la biancheria vecchia con la nuova proteggiamo anche l’igiene e la salute della persona (ad esempio di tutti quei soggetti allergici) e della casa in generale.

    Biancheria da letto matrimoniale

    Una camera matrimoniale curata nei dettagli fa la differenza nel modo in cui abitiamo e percepiamo la casa, soprattutto perché è il luogo in cui ci riposiamo e raccogliamo le forze per affrontare la routine quotidiana; quindi è importante che trasmetta un senso di benessere quando la viviamo, anche se per poche ore al giorno.

    Pensate dunque all’armonia della stanza.


    Questo non vuol dire restare per forza sulle stesse tonalità di colore della vostra camera.
    Va benissimo anche introdurre un elemento di contrasto, che stravolga gli schemi, come ad esempio affiancare classico a moderno, toni morbidi a sferzate di colore.
    Un qualcosa ad effetto “WOW!”.

    In quest’ottica è importante scegliere dei set coordinati completi, per dare coerenza alla biancheria letto matrimoniale. Potete ad esempio:


    • Spaziare con tutte le nuance disponibili per le lenzuola estive scegliendo tra le  tonalità pastello;

    • Optare per un copriletto o una coperta invernale a fantasia, se la pittura delle pareti è una tinta unita. Un’idea è questa trapunta matrimoniale invernale di Gabel, con rivestimento esterno 100% cotone e imbottitura anallergica da 320 gr/mq. Il gioco di sfumature si adatta facilmente a qualsiasi tipo di arredamento, aggiungendo un pizzico di modernità.

    Rinnovare la biancheria da letto bambini

    La biancheria letto per i bambini offre la possibilità di far esprimere la personalità e i gusti dei vostri figli attraverso un complemento d’arredo necessario e che non ingombra; e chissà che anche negli adolescenti più pigri non si risvegli un’improvvisa voglia di ordine.

    Consigli per la biancheria ragazza

    Una pioggia di colori può essere la soluzione migliore per il letto delle ragazze, conferendo un aspetto di forte impatto visivo a tutto l’ambiente.

    Per gli animi romantici è possibile scegliere set lenzuola fantasia, a cuori o ispirate ai viaggi, come le proposte di Happy People.
    Basta il giusto coordinato lenzuola federe per rinnovare la stanza facendo emergere dai dettagli le passioni di chi la abita.

    Consigli per la camera dei ragazzi

    A volte l’arredo delle stanze dei bambini è declinato nei toni del blu e potrebbe risultare più complicato pensare ad un rinnovo poco dispendioso.


    Un’idea di biancheria da letto che valorizzi la camera dei ragazzi può puntare quindi non sui colori, ma sul tema.
    Possiamo giocare con l’ironia con questo completo letto singolo Happy People Vai a dormire! in puro cotone, oppure orientarci verso uno stile più sobrio con una trapunta letto singolo dalla tradizionale fantasia geometrica, per adattare ad esempio l’esuberanza di un arredamento per bambini quando vostro figlio diventa adolescente.


    Rinnovare la biancheria da letto ci consente davvero di dare nuova forma alla nostra casa senza dover cambiare tutto l’arredamento. 


    Per altre idee puoi trovare la migliore biancheria online sul nostro sito.
    Rinnova ora!

  6. Come conservare la Biancheria per la Casa

    Quando si fa il cambio di stagione o si è via di casa per un po’ di tempo, come ad esempio quando si parte per le vacanze o quando si chiude la seconda casa, bisogna lasciare tutto in ordine per essere certi di non trovare spiacevoli sorprese al ritorno.

    Lenzuola, asciugamani e tovaglie vanno riposte con cura, in modo che non si rovinino. 

    Vediamo dunque insieme come conservare la biancheria per la casa.

    Capiremo cosa rovina i tessuti, alcune tecniche per riporre la biancheria e consigli pratici

    Dove riporre la biancheria per conservarla al meglio

    La prima cosa da fare è scegliere il posto più adatto che possa essere usato come “deposito”; le caratteristiche principali sono le seguenti:

    • Chiuso, in cui la polvere non si accumuli troppo;

    • Privo di umidità, per evitare la formazione della muffa;

    • Al riparo dalla luce, per non farla ingiallire o indurire.

    Scegliete quindi un armadio o dei cassetti che si chiudano bene, controllate che la biancheria sia ben asciutta e che non arrivi luce diretta.

    Tecniche di conservazione della biancheria della casa

    Il secondo step è la preparazione della biancheria per la conservazione.

    Esistono alcuni accorgimenti che, se presi, faranno durare i vostri capi più a lungo:

    • Lavate la biancheria prima di conservarla.
      Che sia biancheria letto, biancheria bagno o biancheria per la cucina; un tessuto pulito, oltre salvaguardare la vostra igiene, si conserva meglio, evitando così la formazione di odori sgradevoli.

    • Usate dei sacchetti profumati.
      Alla lavanda o agli agrumi, scegliete la fragranza che preferite e riponete il sacchetto nel cassetto insieme agli indumenti. In commercio si trovano articoli profuma -biancheria di tutti i tipi e a prezzi contenuti. Sono la soluzione ideale per non perdere la piacevole sensazione di pulito tipica della biancheria appena lavata.

    • Usate un antitarme. 
      Se l’armadio che usate è in legno, è un mobile molto antico o se state conservando la biancheria della casa in campagna, potete pensare di usare un prodotto apposito per la protezione dei tessuti dagli insetti.

    Conservare la biancheria sottovuoto

    Un metodo efficace per conservare la biancheria è il sottovuoto.

    I vantaggi del riporre i capi in una busta ermetica dalla quale eliminiamo l’aria sono diversi. Possiamo infatti:

    • Salvare spazio
      Sottraendo l’aria dai capi ben piegati e riposti nelle apposite buste, il volume diminuisce considerevolmente. In questo modo è possibile conservare più indumenti un uno spazio ridotto.

    • Proteggere la biancheria dalla polvere
      Quando si va a tirare l’aria dal sacchetto sottovuoto eliminiamo anche gran parte della polvere. Avendo conservato la biancheria in un sacchetto chiuso ermeticamente, impediremo alla polvere di accumularsi. Il sistema è molto utile per chi soffre di allergie.

    I sacchetti del sottovuoto sono inoltre facilmente reperibili e sono disponibili in diverse misure, così da poter essere utilizzati anche per uno spazio piccolo, come ad esempio un cassetto.

    Conservare la biancheria con questa tecnica è molto semplice. Non è necessario avere un macchinario per il sottovuoto; basta avere un aspirapolvere per aspirare l’aria dall’apposita valvola del sacchetto sottovuoto.

    Come facevano le nostre nonne

    La saggezza antica è una fonte inestimabile di risorse, quindi non sottovalutiamo alcuni  metodi e i rimedi utilizzati dalle nonne.

    • Usiamo le vecchie lenzuola come copribiancheria

    Se avete delle lenzuola usurate, potete lavarle e avvolgere i capi puliti all’interno di queste per fornire un ulteriore strato protettivo.

    • Riponiamo la biancheria in base al colore
      Dividendo i capi bianchi da quelli colorati eviteremo di rovinare il bianco nella malaugurata ipotesi che la biancheria colorata stinga.

    • Evitiamo invece di usare la naftalina, utile per conservare gli indumenti ma dall’odore troppo acido e intenso.
      Un ramoscello di lavanda, una bustina di agrumi essiccati e/o fiori faranno un lavoro perfetto, proprio come un tempo.

    Con pochi piccoli accorgimenti dunque potrete conservare la vostra biancheria per la casa al meglio ed evitare che tessuti pregiati e comodi si rovinino.
    Questi metodi aiutano a preservare anche gli articoli di biancheria da bagno, biancheria da cucina e letto disponibili sul sito di Ruocco Biancheria. Scopri il nostro catalogo!

  7. Grembiule a scuola: una soluzione anti Covid-19

    Quest'anno il ritorno a scuola sarà fuori dal "normale". Ci troviamo infatti a fronteggiare un'emergenza mondiale rappresentata dal Coivid 19, un virus che in pochi mesi ha cambiato le nostre abitudini di vita quotidiana imponendo distanziamento sociale e utilizzo di mascherine. A cambiare sarà inevitabilmente anche il mondo della scuola, tema caldo e fonte di grande dibattito. Tra posizioni e soluzioni diverse, un elemento tuttavia ha incontrato il favore di gran parte dei pediatri, ovvero l'utilizzo del grembiule. Recenti studi hanno infatti dimostrato che il grembiule è un'ottimo presidio igienico e dunque una soluzione valida per proteggere i bambini da un possibile contagio da Covid 19.

    Grembiule: un ottimo presidio igienico anti Covid-19

    Il grembiule non svolge solo un'importante funzione sociale prevenendo fenomeni di discriminazione e bullismo, ma permette anche di ridurre il contagio da coronavirus. Lo studio condotto dell’Osservatorio Nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza Paidòss, che ha coinvolto oltre mille pediatri di tutto il paese, ha rivelato infatti che il grembiule è un alleato indispensabile per il ritorno a scuola. Lavato regolarmente con detergenti antibatterici specifici, fungerebbe da vero e proprio "scudo" contro i batteri.

    Giuseppe Mele, presidente Simpe, Società italiana dei medici pediatri, sostiene caldamente l'utilizzo del grembiule a scuola per una ripartenza più sicura il 14 Settembre. Si teme infatti non tanto per la salute dei bambini, i quali non svilupperebbero la malattia in maniera grave, ma sul loro essere un potenziale veicolo di diffusione del contagio per chi li circonda.

    Come disinfettare il grembiule in lavatrice?

    Per disinfettare al meglio il grembiule del tuo bambino consigliamo:

    - lavaggi a temperature elevate (60°C).
    - aggiungere un disinfettante al detersivo
    - effettuare una corretta manutenzione della lavatrice con periodici lavaggi a vuoto a massima temperatura

    Ritorno a casa da scuola, gli step da eseguire

    Al rientro da scuola importante non è solo igienizzare il grembiule ma anche le scarpe. Si consiglia dunque di toglierle prima di accedere in casa e di igienizzarle spruzzando sotto la suola un detergente a base alcolica. Oltre alle scarpe è importante igienizzare anche lo zaino e tutti gli oggetti che esso contiene. Non serve infatti avere una corretta igiene delle mani se gli oggetti con cui i nostri bambini entrano in contatto non sono perfettamente igienizzati. Andremo dunque a detergere e sanificare gli strumenti che sono utilizzati quotidianamente dai nostri bambini con salviette antibatteriche.

    Il rientro a scuola è alle porte, scegli il grembiule per il tuoi bambini nella sezione dedicata. Clicca qui.

  8. Come apparecchiare la tavola di ferragosto

    Il ferragosto è una delle ricorrenze estive che ci permette festeggiare e stare tutti insieme,  in famiglia o con gli amici. Si organizzano pranzi o cene e molti sono attenti a curare ogni dettaglio. Oggi vediamo insieme come apparecchiare la tavola di ferragosto in modo da rendere speciale il vostro evento.

    Come allestire la tavola di ferragosto per pranzo

    Se organizzate un pranzo di ferragosto la parola d’ordine è colore. Che sia un evento a buffet o con i posti a sedere, la tavola di ferragosto dev'essere allestita con colori allegri. Sì a tovaglie dalle tonalità accese o dalle fantasie sgargianti, come in queste proposte di tovagliea fiori o a tema marino. Per non creare un effetto troppo barocco optate per piatti e stoviglie a tinta unita: un servizio in semplice ceramica bianca abbinato a bicchieri trasparenti farà risaltare ancora di più il decoro del tovagliato.

    La Tavola per la cena di ferragosto

    Se invece avete scelto di organizzare una cena di ferragosto, potete allestire con un runner tavola oppure con una tovaglia a tinta unita. Se cercate di creare un’atmosfera raffinata potete usare anche bicchieri di cristallo e aggiungere candele nell’apposito portacandele. Per una cena di ferragosto più easy sono molto facili da realizzare soluzioni a buffet. Un’idea carina è quella di posizionare le posate in dei cestini posti ai lati della tavola per lasciarle prendere agli ospiti.

    Consigli per decorare la tavola di ferragosto

    Che organizziate un evento notturno o diurno, ci sono alcuni piccoli suggerimenti da seguire:

    • Centrotavola floreale: va bene solo se i fiori non sono troppo profumati, per non disturbare con una fragranza troppo forte il pasto degli invitati;

    • Abbinamento tovaglia e tovaglioli: se volete un allestimento di ferragosto ricercato, usate tovaglioli di stoffa abbinati alla fantasia della tovaglia.

    Ricordate infine che per capire come apparecchiare la tavola di ferragosto la cosa più importante da tenere in considerazione è seguire il vostro stile personale e quello della vostra casa. La tavola estiva sarà valorizzata in automatico dalla coerenza con l'arredamento circostante.

  9. Outfit estivi: abbinamenti e tendenze moda estate 2020

    L’estate è arrivata e siamo pronti a goderci un momento di meritato riposo, magari con una vacanza al mare. E quando si parte per le ferie si accantonano per un po’ le esigenze della casa, come ad esempio la biancheria, per concentrarsi sull’abbigliamento estate perfetto. Vediamo quindi alcuni consigli di outfit estivi. Dai look facili agli abbinamenti di colori, è importante curare anche i particolari di ciò che mettiamo in valigia, per apparire sempre al meglio anche in vacanza.

    Abbigliamento mare

    Uno degli outfit per l’estate da considerare è quello da spiaggia. Semplice e casual è la tendenza moda per l’estate 2020. Shorts e top, o invece della maglietta meglio il costume intero, che è l’accessorio must have di quest’anno. Non può mancare ovviamente la borsa mare, da abbinare al costume oppure in contrasto di colori con il look. Limoni, frange e variazioni di colore sono fantasie delle borse da mare perfette per quest’estate 2020. 

    Anche il telo mare fa parte del total look, quindi abbiniamolo al nostro abbigliamento da spiaggia o almeno alla borsa mare. Se abbiamo una borsa da spiaggia sui toni della sabbia possiamo accostare un telo verde, che richiami i colori della natura. Per vacanziere più pratiche esistono anche dei comodi teli mare e pareo in un unico accessorio, come in queste proposte.

    Outfit sera estate 2020

    Passeggiate al chiaro di luna, sia al mare che in città, richiedono un abbigliamento semplice e che faccia risaltare l’abbronzatura. Con un vestito lungo dai colori chiari e sandali bassi andate sul sicuro. In vacanza curiamo però anche l’abbigliamento letto con i pigiami estivi. Pigiami shorts e spalla larga, dai colori accessi o con stampe di personaggi iconici, come i pigiami Gorjuss di Santoro London, sono perfetti per curare in ogni minimo dettaglio il vostro abbigliamento estate 2020.

    Pigiami estivi, borse da mare e teli mare. Il dettaglio quest’anno fa la differenza. Consulta il nostro catalogo online e tieniti al passo con la moda grazie alle nostre proposte di outfit estivi.

  10. Telo mare: come lavare uno degli accessori mare più utilizzati

    È ufficialmente iniziato il periodo della spiaggia, dei bagni infiniti, di quel “sapore di sale sulla pelle”, che non va via anche quando siamo asciutti; insomma l’estate è finalmente arrivata! In questo periodo dell’anno siamo particolarmente attenti a lavare spesso i nostri capi d’abbigliamento e non trascuriamo neanche la pulizia di uno degli accessori mare più usati: il telo mare. Vediamo insieme come lavare i teli mare in modo che non si rovinino.

    Teli mare: come si sporcano

    Che sia in microfibra, in lino o un telo mare in spugna, i teli mare di tutti i tessuti si sporcano facilmente. Ciò è dovuto sia al fatto che sono uno degli accessori mare più usati, sia al fatto che non indossandoli a volte non ci preoccupiamo che si sporchino. Prima di capire come far tornare puliti i teli mare, bisogna considerare il tipo di sporco che raccolgono. Di solito il telo può essere sporco di:

    • Sabbia;

    • Salsedine;

    • Cloro se si va in piscina;

    • Creme Solari.

    Se invece pensiamo ai teli mare bambini possiamo anche parlare di macchie cibo. Questi tipi di sporco non richiedono un trattamento particolare o costoso, ma alcuni consigli di lavaggio possono far risparmiare tempo e fatica.

    Come lavare i teli mare

    Specifichiamo innanzitutto ogni quanto procedere al lavaggio degli asciugamani da spiaggia. In realtà non c’è una regola fissa. Dipende dall’uso che se ne fa. Un telo mare bimbi potrebbe dover essere lavato anche tutti i giorni, se ad esempio ci sono macchie di cioccolato. Se invece non andiamo a mare tutti i giorni o non ci sembra troppo pieno di salsedine, possiamo lavarlo anche una volta a settimana. In vacanza comunque l’ideale sarebbe procedere ad un lavaggio ogni due/tre giorni.

    Il metodo migliore per lavare i teli mare, e anche il più comodo, veloce e pratico, è la lavatrice. Controllate sempre l’etichetta prima di inserirli in lavatrice ma, in generale possiamo dire che lavaggio migliore per il telo da mare è quello a 30°.

    Ecco inoltre alcuni consigli per un risultato ottimale:

    • Se il telo mare è pieno di sabbia, facciamolo asciugare e poi sbattiamolo per bene prima di farlo andare in lavatrice. La sabbia cadrà quasi del tutto perché il tessuto è asciutto e così non finirà nella nostra preziosa lavatrice rischiando di danneggiarla e intasare i filtri;

    • Se ci sono macchie persistenti, come il cioccolato, è opportuno pre trattare la zona con un detersivo a mano in modo da essere sicuri che la macchia svanisca.

    Con questi piccoli accorgimenti il telo mare non si rovinerà e i colori saranno sempre brillanti.


    Questi consigli sono adatti alla cura di tutti i teli mare disponibili su Ruocco Biancheria. Le nostre proposte di uno dei must degli accessori mare sono selezionate tra i migliori marchi di biancheria per la casa e comprendono opzioni per tutti i gusti e le età: da noi puoi trovare ad esempio il telo mare matrimoniale, teli mare bambini e anche il telo mare double face. Scegli il modello che preferisci sul nostro store online e completa il tuo outfit con un accessorio mare all’ultima moda, di qualità e facile da lavare.



    Ph Credit by lifeforstock da - it.freepik.com</a>